Editori

Editori per srcittori emergenti

Case Editrici

Edizioni del Poggio
Sei qui: Home page » Catalogo
Invia questa pagina ad un amico Versione stampabile

Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità.

Shopping - Offerte speciali

Inizio Categoria Carrello

MICHELE CARUSO DA TORREMAGGIORE (CAPITANATA)

9788897409519 - MICHELE CARUSO DA  TORREMAGGIORE (CAPITANATA)

Scheda tecnica | Descrizione

Codice prodotto: 9788897409519

Peso: 0 kg
Pezzi per confezione: 1

Prezzo: 11.50 euro
Offerta: 9.78 euro

Aggiungi al carrello

Scheda tecnica del prodotto
ISBN: 978-88-97409-51-9
Data di pubblicazione: DICEMBRE 2015
Numero di pagine: 340
Autori del libro: GIUSEPPE OSVALDO LUCERA
Formato: CM. 15 X 21
Legatura: BRASSURA
Collana: CONTROSTORIA

Descrizione prodotto
VICENDE DI UN’ALTRA
STORIA

ovvero

INSORGENZA, RISORGIMENTO
UNITA’ D’ITALIA, BRIGANTAGGIO

STUDIO E CRITICA D’UN PERIODO OSCURO
DELLA NOSTRA STORIA PATRIA

Nuova Edizione: rivista e integrata
Prima edizione: dicembre 2008
Seconda edizione: marzo 2009

Volume quarto:

MICHELE CARUSO
DA
TORREMAGGIORE
(CAPITANATA)

VICENDE DI UN’ALTRA STORIA ovvero INSORGENZA, RISORGIMENTO, UNITA’ D’ITALIA, BRIGANTAGGIO. Lucera presenta in questo libro uno studio e critica d'un periodo oscuro della nostra Patria.Gramsci, a proposito dei briganti meridionali post unitari, cosi si è espresso: “… il sostegno fornito ai briganti, dalle classi più povere, suggerisce che il più delle volte non si è trattato di pura violenza criminale, ma di reazioni motivate da situazioni d’insostenibile miseria e oppressione. Nell'Italia del XIX secolo dominava una grande disgregazione sociale le cui radici affondavano nei due secoli precedenti, col processo di erosione del feudalesimo, di privatizzazione e concentrazione della terra e dell’avanzata del capitalismo. Nel Meridione, che non aspirava ad unirsi al resto dell'Italia, si consumò, in aggiunta, una conquista violenta e feroce.” Da questa premessa, giungere alla considerazione che il brigante post unitario non può che rappresentare l’embrione, il vero germoglio dell’avanguardia rivoluzionaria dei poveri e dei deboli, per Gramsci, il passo fu brevissimo.